Port di Talamone, Talamone

Abbadia San Salvatore

Abbey of Sant'Antimo


Albarese

Acquapendente


Archipelago Toscano


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bagno Vignoni

Barberino Val d'Elsa

Beaches

Bolsena Lake


Bomarzo

Brunello di Montalcino

Buenconvento

Campagnatico


Capalbio


Castel del Piano


Castelfiorentino

Castell'Azarra

Castellina in Chianti


Castelmuzio


Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia


Castiglione d'Orcia


Castiglion Fiorentino


Celleno


Certaldo


Chinaciano Terme


Chianti


Chiusi


Cinigiano


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Colle Val d'Elsa


Cortona


Crete Senesi


Diaccia Botrona


Isola d'Elba


Firenze


Follonica


Gaiole in Chianti


Gavorrano

Gerfalco


Greve in Chianti


Grosseto


Lago Trasimeno


La Foce


Manciano


Maremma


Massa Marittima


Montagnola Senese


Montalcino


Monte Amiata


Monte Argentario


Montefalco


Montemassi


Montemerano


Monte Oliveto Maggiore


Montepulciano


Monteriggioni


Monticchiello


Monticiano


Orbetello


Orvieto


Paganico


Parco Naturale della Maremma


Perugia


Piancastagnaio


Pienza


Pisa


Pitigliano

Prato

Punta Ala

Radda in Chianti


Roccalbegna


Roccastrada


San Bruzio


San Casciano dei Bagni


San Galgano


San Gimignano


San Giovanni d'Asso


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Scarlino


Seggiano


Siena


Sinalunga


Sorano


Sovana


Sovicille

Talamone

Tarquinia


Tavernelle Val di Pesa


Torrita di Siena


Trequanda


Tuscania


Umbria


Val d'Elsa


Val di Merse


Val d'Orcia


Valle d'Ombrone


Vetulonia


Viterbo

Volterra



 

   
Surroundings
 

Tempio di Talamonaccio.jpg

I ruderi del tempio di Talamonaccio sul colle di Talamonaccio [1]

 

       
   

Talamone, Tempio di Talamonaccio

   
   

Il tempio di Talamonaccio era un tempio etrusco risalente alla fine del IV secolo a.C. situato su poggio Talamonaccio, nei pressi di Talamone, frazione di Orbetello, in provincia di Grosseto, Toscana. Ne rimangono ad oggi dei ruderi.

Storia

Il tempio di Talamonaccio fu fondato contemporaneamente alle lotte finali tra le città etrusche e Roma, ed è stato usato anche dopo la conquista romana.

 

Coordinate 42°33′06″N 11°10′11″E

 

 

   
   

Mappa Tempio di Talamonaccio | Ingrandire mappa

 

 
   

La località fu fin dall’antichità sede di insediamenti prima Etruschi (tracce della città etrusca di Tlamu sono state scoperte nel 1888 su una collina, detta Talamonaccio, a breve distanza dall’attuale borgo) e poi Romani. L’importanza di Talamone le deriva dalla scoperta, avvenuta negli ultimi anni del XIX secolo, dei resti di uno splendido frontone di un tempio etrusco di età ellenistica in cui è rappresentato il mito dei Sette contro Tebe. La scoperta è avvenuta in più fasi in seguito alla costruzione di un fortilizio militare, che portò alla distruzione di due cinte murarie, di case, di strade, riferibili sia al centro etrusco di IV secolo a.C. sia all’abitato altomedievale.
Furono recuperate le decorazioni in terracotta di un tempio, il primo nucleo di frammenti del ben noto frontone. Scavi regolari nella zona sono stati possibili solo dopo la smilitarizzazione dell’area, negli anni ’60. È stata quindi possibile una nuova e spettacolare ricostruzione del frontone. Il tempio si innalzava sulla pendice sud-est di Talamonaccio; la fronte era rivolta verso il mare e costituiva un punto di riferimento per le navi provenienti da sud, mentre il monumento non era visibile dalla baia sottostante. Il frontone presenta al centro Edipo cieco e inginocchiato, ai lati i suoi due figli morenti Eteocle e Polinice; a sinistra è Adrasto che fugge su una biga, mentre a destra è Anfiarao che sprofonda negli Inferi con il suo carro. Il frontone presenta alcune peculiarità che lo rendono unico nel panorama di analoghe creazioni nell’intera Etruria. Innanzi tutto il fatto che gli scultori si siano preoccupati di creare le figure inclinate in avanti, in modo che dal basso si potesse avere una visione migliore. L’altra particolarità non trascurabile è data dalla ricchezza dei personaggi e dalla complessità del “racconto” scultoreo. Subito dopo il ritrovamento i reperti furono trasportati a Firenze e il fro ntone venne ricomposto in una sala del Museo archeologico. Dopo i successivi scavi del 1962-1969, ma soprattutto dopo lo straripamento dell’Arno che danneggiò in maniera grave il Museo fiorentino, si pensò di procedere ad una nuova ricomposizione dell’intero rilievo, depurandolo di alcune imprecisioni e arricchendolo di nuovi contributi. Nel 2001 fu deciso di trasferirlo ad Orbetello dove si trova tuttora.
Nei primi decenni del III secolo a.C., in seguito alla caduta di Vulci e alla deduzione della colonia di Cosa, cominciò la lenta decadenza, anche se l’area urbana continuò a essere occupata, come indicano i resti di alcuni luoghi di culto dell’avanzato II secolo a.C. trovati all’interno delle mura. L’acropoli era collocata forse nei pressi della Porta Medina Caeli. Le necropoli si estendono a est, sulla penisola, lungo circa tre chilometri. Le principali sono situate nelle località il Brilletto, il Sale e Poggio alla Campana. Le tombe, scavate nella roccia o costruite a forma di camera o di cassone, furono esplorate fin dall’Ottocento e nella maggior parte furono trovate già gravemente depredate. A Orbetello è allestito il Museo Archeologico Comunale, nei locali della ex polveriera Guzman, che raccoglie materiali ritrovati nelle necropoli del circondario. Si segnalano dei frammenti di sfingi, espressione della statuaria funeraria arcaica di stile vulcente; il rivestimento di uno scudo circolare con un gorgoneion nel centro circondato da un fregio di animali in lotta; un cinturone bronzeo del VII secolo a.C. con disegni graffiti, oltre a statuette votive, specchi di bronzo e una serie di terrecotte ellenistiche votive e architettoniche. In
Piazza della Repubblica, in un locale appositamente destinato, è esposto il famoso frontone del tempio di Talamone rinvenuto tra i resti di un tempio etrusco di età ellenistica in cui è rappresentato il mito dei Sette contro Tebe.[4]

 

 

Frontone di Talamone
Frontone di Talamone [Photo by Nicolò Musmeci]

Il Frontone di Talamone è un raro esempio di frontone in terracotta risalente al 150 a.C., reperto di epoca etrusco-ellenistica venuto alla luce nei pressi di Talamone.Stabilmente, il Frontone è custodito all'interno della Caserma Umberto I ad Orbetello, in Toscana.

 

Museo archeologico di Firenze, frontone di Talamone 2
Museo archeologico di Firenze, frontone di Talamone [5]

Galleria Parco naturale della Maremma

 

   
Cala di forno   AlbereseMontiDellUccellina  

Cala di Forno

 

     

Follow Podere Santa Pia on Instagram  Follow us on Instagram

 

Parco Naturale delle Maremma, spiaggia  

Parco Naturale delle Maremma, beach

  Talamone, Rocca Aldobrandesca

Parco Naturale delle Maremma, spiaggia

 

  Parco Naturale delle Maremma, spiaggia   Talamone, Rocca Aldobrandesca
Bagno delle donne, Talamone, Grosseto, Tuscany, Italy - panoramio   Port di Talamone, Talamone, Grosseto, Italy - panoramio   Porto di Talamone
Spiaggia Bagno delle Donne

 

 

Porto di Talamone   Porto di Talamone
         
         


Trova la casa perfetta per la tua vacanza | Tuscan Holiday houses | Podere Santa Pia




Toscana | THE BEST BEACHES IN TUSCANY




[1] Photo by Alienautic,
licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported2.5 Generic2.0 Generic and 1.0 Generic license.


Questo articolo è basato parzialmente sull'articolo Tempio di Talamonaccio dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.