Tuscany Travel Guide, Photo Gallery of Tuscany



Albarese
| Parco Naturale delle Maremma

Capalbio


Colline Metallifere


la costa Toscana

Crete Senesi

         
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 

ColleMassari (December)

Vista mozzafiato dal Podere Santa Pia sulla valle dell'Ombrone e ColleMassari (December)

 

Toacana ] Galleria di immagini  
     
   
Il castello di Colle Massari


   
   

Il castello di Colle Massari è un edificio situato nel territorio comunale di Cinigiano, in provincia di Grosseto.

La sua ubicazione è sulla cima di un colle, poco a sud-est della frazione di Poggi del Sasso.

Storia

Il complesso sorse come castello in epoca medievale ed era originariamente un possedimento dell'abbazia di San Galgano presso Siena, che controllava contemporaneamente anche il non lontano castello della Sabatina.

In seguito, la struttura venne trasformata in un convento, che andò sviluppandosi presso un'antica pieve rimasta in funzione almeno fino alla fine del XIV secolo.

Successivamente, la struttura divenne proprietà privata e, nel tardo XVII secolo, venne ristrutturata dai marchesi Patrizi che la trasformarono in una caratteristica fattoria fortificata.


Descrizione

Il castello di Colle Massari, che attualmente è sede di una rinomata e prestigiosa azienda agricola, si presenta come una struttura rurale fortificata, il cui aspetto è stato prevalentemente conferito dai lavori di restauro avvenuti durante il XVII secolo.

Il complesso si sviluppa su tre corpi di fabbrica disposti su altrettanti lati attorno ad un cortile interno a pianta quadrangolare, a cui si accede attraverso una caratteristica porta ad arco che si apre lungo la cortina muraria che chiude il lato privo di corpi di fabbrica.

Ad ogni angolo è presente una torre, che in passato svolgeva funzioni di avvistamento. Delle quattro torri, due si sono ben conservate, mentre le altre due hanno subito alterazioni: della torre sud-orientale, che crollò nel corso del XIX secolo a causa di uno smottamento del terreno, si conservano soltanto le tracce.

La cappella di Santa Marta costituisce la cappella gentilizia ed è situata all'interno del castello; la sua costruzione avvenne nel XVII secolo, andando a sostituire la più antica e scomparsa pieve di Sant'Ippolito a Martura.

   
   

Mappa Castello Colle Massari| Ingrandire mappa


Bibliografia


Giuseppe Guerrini, Torri e castelli della provincia di Grosseto, Siena, Nuova Immagine Editrice, 1999.

Olivia Bruschettini, Colle Massari nel Sasso di Maremma, Arcidosso, Edizioni Effigi, 2009.

 

 
   

Photo album Abbey of Sant'Antimo



   
Vista mozzafiato dal Podere Santa Pia sulla valle dell'Ombrone e ColleMassari

  Castello di Colle Massari (GR)   Paesaggio della Valle dell'Ombrone presso Cinigiano

Vista mozzafiato dal Podere Santa Pia sulla valle dell'Ombrone e ColleMassari

 

  Panorma Colle Massari   Paesaggio della Valle dell'Ombrone presso Cinigiano

Castiglioncello Bandini

 

   
Castiglioncello Bandini, castello    

Castiglioncello Bandini, Castiglion del Torto

 

  Castiglioncello Bandini   La Chiesa del Madonnino in Castiglioncello Bandini
Chiesa di San Nicola Castiglioncello Bandini (GR)    

La chiesa di San Nicola, Castiglioncello Bandini

 

  Castiglioncello Bandini, castello  
Follow us on Instagram  Follow us on Instagram



Wine in Tuscany | Montecucco D.O.C.


[1] Photo by Rein Ergo


Alla scoperta del nostro territorio. Vista mozzafiato dal Podere Santa Pia sulla valle dell'Ombrone e Cinigiano #cinigiano #poderesantapia

 

 

Questo articolo è basato sull'articolo Castello di Colle Massari dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.