Sovana. La Tomba dei Demoni Alati

Abbadia San Salvatore

Abbey of Sant'Antimo


Albarese

Acquapendente


Archipelago Toscano


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bagno Vignoni

Barberino Val d'Elsa

Beaches

Bolsena Lake


Bomarzo

Brunello di Montalcino

Buenconvento

Campagnatico


Capalbio


Castel del Piano


Castelfiorentino

Castell'Azarra

Castellina in Chianti


Castelmuzio


Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia


Castiglione d'Orcia


Castiglion Fiorentino


Celleno


Certaldo


Chinaciano Terme


Chianti


Chiusi


Cinigiano


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Colle Val d'Elsa


Cortona


Crete Senesi


Diaccia Botrona


Isola d'Elba


Firenze


Follonica


Gaiole in Chianti


Gavorrano

Gerfalco


Greve in Chianti


Grosseto


Lago Trasimeno


La Foce


Manciano


Maremma


Massa Marittima


Montagnola Senese


Montalcino


Monte Amiata


Monte Argentario


Montefalco


Montemassi


Montemerano


Monte Oliveto Maggiore


Montepulciano


Monteriggioni


Monticchiello


Monticiano


Orbetello


Orvieto


Paganico


Parco Naturale della Maremma


Perugia


Piancastagnaio


Pienza


Pisa


Pitigliano

Prato

Punta Ala

Radda in Chianti


Roccalbegna


Roccastrada


San Bruzio


San Casciano dei Bagni


San Galgano


San Gimignano


San Giovanni d'Asso


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Scarlino


Seggiano


Siena


Sinalunga


Sorano


Sovana


Sovicille

Talamone

Tarquinia


Tavernelle Val di Pesa


Torrita di Siena


Trequanda


Tuscania


Umbria


Val d'Elsa


Val di Merse


Val d'Orcia


Valle d'Ombrone


Vetulonia


Viterbo

Volterra



 

   
Surroundings
 
Sovana. La Tomba dei Demoni Alati

Sovana. La Tomba dei Demoni Alati

 

       
   

La Tomba dei Demoni Alati

   
   

La Tomba dei Demoni alati è situata poco distante ed è stata scoperta nel 2004 dopo un'indagine effettuata dalla Soprintendenza ai beni archeologici della Toscana in collaborazione con l'Università Ca' Foscari di Venezia: si tratta di una tomba a edicola ricavata nel tufo al cui interno è stato realizzato un profondo vano centrale in cui è scolpita la statua policroma di un defunto sdraiato che reca in mano una coppa; ai due lati erano invece scolpiti due demoni alati femminili – ne rimane oggi visibile solo quello di sinistra, che porta una fiaccola ed è identificabile con Vanth – mentre sul frontone un demone marino alato e sulla facciata due sculture di animali – rimane oggi quella di sinistra, che raffigura un leone.

La Tomba dei Demoni Alati è stata portata alla luce nell’autunno del 2004 a seguito di una campagna di scavo condotta dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.
L’interesse del rinvenimento è dovuto al fatto che è conservato in buona parte l’apparato decorativo della tomba, crollato a terra, e ciò consente una ricostruzione del monumento nella sua forma originaria.
Al centro di una terrazza larga circa otto metri, ad una cinquantina di metri a ovest della Tomba Ildebranda, la tomba si presenta come un grandioso blocco cubico scolpito nel tufo, sulla cui fronte è scolpita la facciata di un edificio ad edicola, caratterizzato da un profondo vano centrale. All’interno di questa nicchia è rappresentato, anch’esso scolpito nel tufo, un defunto recumbente a banchetto con la patera della libagione nella mano destra, che conserva parte del rivestimento policromo, fatto davvero insolito e di grande interesse.
Ai lati del nicchione centrale si ergevano in origine due statue quasi a tutto tondo, rappresentanti demoni alati femminili, di cui è abbastanza conservata solo quella di sinistra con fiaccola, da identificare con Vanth. La facciata doveva essere coronata da un timpano triangolare limitato in basso da un architrave a triglifi e patere e in alto da una sima. Sul frontone ad alto rilievo campeggia un imponente demone marino, alato e con code pisciformi. In posizione simmetrica, nella platea davanti alla facciata, erano due sculture a tutto tondo poste su alti podi, di cui è abbastanza conservata solo quella di sinistra, raffigurante un leone.
Sulla base della tipologia architettonica e del carattere delle sculture, la tomba è databile nella seconda metà del III secolo a. C. Essa rappresenta l’esempio più significativo di tomba ad edicola con figura di recumbente, oggi conosciuta. Questo tipo di monumento si caratterizza per la presenza dell’immagine del defunto nel vano in facciata, che può essere una semplice nicchia rettangolare oppure più frequentemente, come in questo caso, un nicchione voltato. Il confronto più significativo è rappresentato dalla Tomba della Sirena a Sopraripa, che è l’unica di questo gruppo che conserva anche, come nel nostro caso, il frontone decorato, dove compare similmente una figura di Scilla con analogo fregio a patere e triglifi sottostante.
Rispetto alla Tomba della Sirena, un elemento di novità è costituito dal leone che funge da guardiano, tema non insolito in contesti funerari etruschi anche di più antica data e documentato anche a Sovana, ma quasi sempre in condizioni di conservazione estremamente sfavorevoli. Davvero notevole appare poi la figura del recumbente, perché conservata nella sua interezza e caratterizzata dalla policromia originaria. Essa completa il programma decorativo del monumento funerario presentandoci la figura del defunto semidisteso sulla kline, ben conosciuta nella serie numerosa dei sarcofagi coevi.

   
   

Mappa Tomba dei Demoni Alati | Ingrandire mappa

 
   
 
         

Parco Archeologico Città del Tufo | The Archaeological Park of Tufo between Sorano, Pitigliano, Sovana
Address

Parco Archeologico "Città del Tufo", Palazzo Pretorio, Piazza Pretorio, 12/a - Sovana - Sorano (GR)
Opening hours
From two weeks before Easter to 2 November 10.00-13.00;
16.00-19.00
26 December - 6 January 10.00-13.00; 14.00-17.00
During the rest of the year 10.00-13.00
Opening of Etruscan Necropolis of Sovana
weeks before Easter to 2 November 10.00-19.00
26 December - 6 January 10.00-17.00
Winter visits by prior arrangement

Tickets: Free

 

   
    SovanaTufo
       

Scavo archeologico sul sito della Area archeologica di Sovana Toscana

   
Parco Archeologico Città del Tufo | Five itineraries |Ildebranda - San Sebastiano - San Rocco - Vitozza - Fortezza Orsini

Etruscans The People Who Founded Rome | www.etruscanplaces.net