Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco

Montelaterano (Arcidosso)

Montelifrè

Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra




 

             
 
Abbazia di Sant'Antimo, capitello con daniele nella fossa dei leoni del Maestro di Cabestany

E N G

Il capitello con "Daniele nella fossa dei leoni", opera scultorea del Maestro di Cabestany [2]


 
       
   


Abbazia di Sant'Antimo, capitello con daniele nella fossa dei leoni del Maestro di Cabestany

   
   

L'abbazia di Sant'Antimo sorge nella solitaria Valle Starcia, piccolo ruscello affluente dell’Orcia, che si trova pochi km a sud di Montalcino.


Il capitello con "Daniele nella fossa dei leoni", opera scultorea del Maestro di Cabestany

La navata centrale è separata dalle due laterali da due serie di quattro archi sorretti da colonne monolite per lato, intervallati da un pilastro cruciforme fra le due serie di quattro archi a tutto sesto. La più bella ed importante è il capitello con Daniele nella fossa dei Leoni, la seconda colonna a sud partendo dal portone d'ingresso, e opera del Maestro di Cabestany: in esso il maestro è riuscito ad assemblare e scolpire in uno spazio minimo tutte le scene salienti della vicenda biblica, che viene narrata nel capitolo 6 del Libro del profeta Daniele.

Il cosiddetto Maestro di Cabestany è stato uno scultore anonimo francese della seconda metà del XII secolo. Tra le personalità più singolari ed incisive del periodo romanico, deve il suo nome a un timpano scolpito nella chiesa di Cabestany, in Francia, dove sono rappresentate tre scene della Vita della Vergine (la Vergine che esce dal sepolcro sorretta dal Cristo, l'Assunzione, e al centro Cristo tra la Vergine e san Tommaso).

Da quest'opera significativa è stato ricostruito un insieme di opere che gli sono state attribuite, grazie a uno stile piuttosto peculiare, dove ricorrono particolari tecniche e stilemi nella raffigurazione delle figure:

Teste dalla forma quasi triangolare
Fronti coperte da un'ampia capigliatura
Piccoli fori agli angoli degli occhi ovali
Piccoli fori nella rappresentazioni dei piedi e delle mani
Sensibilità nella realizzazione dei volti
Riempimento di tutti gli spazi vuoti con figure (Horror vacui)
Riferimento esplicito al tipo fisico arabo e alla scultura della vicina Spagna musulmana


Si è appurato così che è un artista che deve aver viaggiato molto nell'area occitana, usando la sua regione (il Rossiglione) come centro dal quale si mosse radialmente, soprattutto in Francia (Linguadoca), in Spagna (Catalogna e Navarra) e in Italia (abbazia di Sant'Antimo, chiostro del Duomo di Prato e San Casciano in Val di Pesa).

La sua formazione deve essere avvenuta in patria, in particolare è stato riscontrato un modello della sua opera in un sarcofago antico dell'abbazia di Sant'Ilario in Linguadoca, decorato con rilievi del Martirio di sant'Ilario.

Questo anticlassicismo tipico della sua produzione artistica, influenzò le zone dove lavorò, compresa la nascente scultura romanica toscana, dove sono state trovate almeno due opere di rilievo dell'artista: un fusto nel Museo di San Casciano, relativo alla sua prima produzione, e un capitello nell'abbazia di Sant'Antimo con San Daniele nella fossa dei leoni, in uno stile più maturo con più audaci schematizzazioni ed un maggiormente marcato espressionismo.

Selvaggio e brutale, estremamente originale nella scelta e nell'interpretazione dei soggetti prevalentemente drammatici e nel chiaroscuro violento del modellato, questo maestro anonimo tecnicamente raffinato è molto lontano dalla grevità degli scultori romanici di area padana (Wiligelmo, Nicolò e del contemporaneo Antelami). Le sue figure allungate ed in torsione preludono al Gotico.

Come il Maestro di Cabestany i grandi scultori anticlassici si ispirano nei loro rilievi a sarcofagi della decadenza romana, così Giovanni Pisano, Donatello e Michelangelo Buonarroti.



 

   
   

Mappa Abbazia di Sant’Antimo OpenStreetMap | Igrandire mappa


 
   

Photo album Abbey of Sant'Antimo

 

     
Abbazia di Sant'Antimo, capitello con daniele nella fossa dei leoni del Maestro di Cabestan   Abbazia di Sant'Antimo - 43 - Archi del matroneo   L'Abbazia di Sant'Antimo, il crocifisso dell'altare maggiore
Abbazia di Sant'Antimo, capitello con San Daniele nella fossa dei leoni,i del Maestro di Cabestany [2]  

L'Abbazia di Sant'Antimo, Archi del matroneo [1]

 

  L'Abbazia di Sant'Antimo, il crocifisso dell'altare maggiore [1]


Guida per la Toscana | Case Vacanza Toscana | Podere Santa Pia


[1] Photo byDongio, released this work into the public domain.
[2] Photo by Sailko, licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.




Trekking in Toscana | Anello – Abbazia di Sant’Antimo


Questo articolo è basato sugli articoli Abbazia di Sant'Antimo e Maestro di Cabestany dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.

Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Abbazia di Sant'Antimo.