Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco

Montelaterano (Arcidosso)

Montelifrè

Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra




 

             
 

Marrucheti panorama.jpg

Veduta di Marrucheti [1]

 

 
       
   

Marrucheti, frazione di Campagnatico


   
   

Marrucheti (già Campino) è una frazione del comune di Campagnatico, in provincia di Grosseto.

Geografia fisica

Il paese di Marrucheti è situato nella parte meridionale del territorio di Campagnatico, distante circa 8 km dal capoluogo comunale e circa 10 km da Grosseto. Il toponimo ha origine dalla marruca, arbusto spinoso molto presente nel territorio.

Marrucheti si colloca nella parte nord-orientale della piana di Grosseto, lungo la valle dell'Ombrone, nel cuore della Maremma grossetana. Il fiume Ombrone lambisce la frazione ad est, mentre intorno alla piana dove sorge il paese si alzano le alture di Poggio al Turco (122 m s.l.m.), Poggio Petriccio (224 m) e soprattutto il Poggio del Cornone (331 m).

Storia

Marrucheti ha rivestito un'importante posizione strategica nell'alto Medioevo, poiché si trovava sulla strada che collegava Campagnatico con Grosseto, passando per Istia d'Ombrone. Ciò è testimoniato dalla presenza di numerose chiese, fortificazioni e conventi forniti dagli Aldobrandeschi ai propri vassalli per controllare l'importante via di collegamento. Con lo spostamento della principale via d'accesso al mare a Batignano, voluto dalla repubblica senese nel basso Medioevo, Marrucheti iniziò il suo declino e il suo progressivo spopolamento. Con l'avvento della Signoria di Firenze, il territorio ritrovò nuovo vigore anche grazie alle opere di bonifica.

Nel corso del Novecento, furono realizzati degli interventi che resero Marrucheti un moderno paese rurale, come l'istituzione di scuole, luoghi di culto, centri servizi e un cimitero. Marrucheti divenne frazione di Campagnatico negli anni sessanta.

   
   

Mappa Marrucheti, frazione di Campagnatico| Ingrandire mappa


 
   

Monumenti e luoghi d'interesse

Architetture religiose

Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice, edificio parrocchiale realizzato tra il 1947 e il 1950 al centro della frazione, un tempo denominato Campino, per volere del vescovo Paolo Galeazzi.

Cappella di Casetta Manini, piccola cappella privata risalente al 1922.


Architetture militari

Castello di Stertignano, antico castello duecentesco situato su un'altura poco a est di Marrucheti.

 

 

Photo album Abbey of Sant'Antimo



   
Paesaggio della Valle dell'Ombrone, la parte terminale della Val d'Orcia tra le province di Grosseto e Siena   IstiaDOmbronePortaGrossetana1  

Paesaggio della Valle dell'Ombrone, la parte terminale della Val d'Orcia tra le province di Grosseto e Siena

 

 

Palazzo di Giustizia e la Porta Grossetana, Istia d’Ombrone

 

 

Paesaggio della Valle dell'Ombronee il Castello Colle Massari

 

         


Cicloturismo nella Maremma Toscana | 35 Percorsi ciclistici  | La bassa valle dell' Ombrone

Campagnatico - Marrucheti - Istia d’Ombrone - Arcille - Sant’Antonio - Campagnatico


[1] Foto da Giovanni Casalini, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

 

Questo articolo è basato sull'articolo Istia d'Ombrone dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.