Abbadia San Salvatore

Abbadia di Sant'Antimo


Acquapendente


Arcidosso


Arezzo


Asciano


Badia di Coltibuono


Bolsena Lago


Bomarzo


Buenconvento

Campagnatico


Castell'Azarra


Castellina in Chianti


Castiglione d’Orcia

Castelnuovo Bererdenga


Castiglioncello Bandini


Castiglione della Pescaia

Celleno


Città di Castello

Cività di Bagnoregio


Gaiole in Chianti

Iris Origo

La Foce


Manciano


Maremma


Montalcino


Monte Amiata


Montecalvello

Montefalco

Montelaterano (Arcidosso)

Montelifrè

Montemerano


Monte Oliveto Maggiore

Monticchiello

Monticiano

Orvieto

Parco Naturale della Maremma

Piancastagnaio

Pienza


Prato

Pitigliano


Rocca d'Orcia

Roccalbegna


San Bruzio


San Galgano


San Quirico d'Orcia


Sansepolcro


Santa Fiora


Sant'Antimo


Sarteano


Saturnia


Scansano


Sinalunga


Sorano

Sovana

Sovicille


Talamone

Val di Chiana

Val d'Orcia

Vetulonia

Volterra




 

             
 

Panorama Tino di Moscona Grosseto.jpg

 

 

Panorama con il Tino di Moscona sulla vetta della collina [1]

 
       
   


Panorama con il Tino di Moscona sulla vetta della collina

   
   

Tino di Moscona

Il Tino di Moscona è una fortificazione situata nel territorio comunale di Grosseto. La sua ubicazione è sulla cima dell'omonimo poggio, la prima propaggine collinare che si innalza a nord-est di Grosseto e domina l'area archeologica di Roselle, città etrusco-romana.

Cenni storici

L'area dove sorge il complesso era già abitata in epoca villanoviana, come testimoniano i numerosi reperti venuti alla luce nella zona attorno alla fortificazione.

Il sito venne probabilmente sfruttato anche dagli Etruschi ed in seguito anche i Romani lo utilizzarono come insediamento abitativo, come dimostrano i resti di una cisterna per la raccolta dell'acqua di tale epoca.

In epoca medievale vennero costruiti l'imponente cinta muraria di forma circolare e gli attigui fabbricati, dei quali rimangono alcuni resti. La fortificazione costituiva un'opera strategica, a seguito delle ripetute invasioni barbariche a cui fu sottoposta la sottostante città di Roselle nel periodo alto medioevale.

Il complesso continuò ad essere abitato anche dopo la fondazione di Grosseto. Inoltre, secondo alcuni documenti di epoca medievale (cfr testi bibliografici), in questo luogo doveva essere ricostruita la città di Grosseto dopo il completo abbandono di Roselle; tuttavia, questo progetto studiato, dagli Aldobrandeschi, non fu mai portato a termine, poiché i Senesi riuscirono ad espugnare l'insediamento fortificato che, fino ad allora, appariva più sicuro della città di Grosseto.

Dopo l'assedio vincente dei Senesi, il Tino di Moscona fu gradualmente abbandonato ed andò incontro ad un lunghissimo periodo di degrado, conclusosi soltanto con i recenti restauri, ultimati nel 2005, che hanno riportato agli antichi splendori i resti dell'antica fortificazione.

 

   
   

Mappa Tino di Moscona | Ingrandire mappa


 
   

Aspetto attuale

Il Tino di Moscona si presenta come un'imponente fortificazione a pianta circolare, con strutture murarie rivestite in pietra; vi si accede attraverso due distinte porte di ingresso.

All'interno della struttura, nell'area delimitata dalla cerchia muraria, si sono ben conservati un vano sotterraneo e i resti di un'antica cisterna di epoca romana, mentre sul lato ad est della fortificazione sono visibili i resti di un abitato medievale.

In questa zona sono inoltre venuti alla luce alcuni reperti villanoviani, tra i quali spiccano oggetti di oreficeria custoditi in vasi cinerari.

Bibliografia

Giuseppe Guerrini (a cura di). Torri e Castelli della provincia di Grosseto (Amministrazione Provinciale di Grosseto). Siena, Nuova Immagine Editrice, 1999.

Marcella Parisi (a cura di). Grosseto dentro e fuori porta. L'emozione e il pensiero (Associazione Archeologica Maremmana). Siena, C&P Adver Effigi, 2001.

 

Photo album Abbey of Sant'Antimo



   
Paesaggio della Valle dell'Ombrone, la parte terminale della Val d'Orcia tra le province di Grosseto e Siena     Il fiume Ombrone nei pressi della frazione di Sasso d'Ombrone

Paesaggio della Valle dell'Ombrone, la parte terminale della Val d'Orcia tra le province di Grosseto e Siena

 

 

Paesaggio della Valle dell'Ombronee il Castello Colle Massari

 

  Il fiume Ombrone nei pressi della frazione di Sasso d'Ombrone
OmbroneFoce1   Bocca d'Ombrone, Torre della Trapola vicino a Principina di Grosseto  
Bocca d'Ombrone, Principina di Grosseto  

Bocca d'Ombrone, Torre della Trapola vicino a Principina di Grosseto

 

 

 

 

Follow us on Instagram  Follow us on Instagram

 

 


Atlante Storico Topografico del Comune di Grosseto | Il Poggio Mosconcino, presso Bagno Roselle

 

         
         


[1] Foto Petitverdot: Matteo Vinattieri, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported.

 

Questo articolo è basato sull'articolo  Tino di Moscona dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.