Palazzo Pubblico


The Siena Duomo

         The Mosaic floor and the Porta del Cielo

         The cript


Ospedale Santa Maria della Scala


Palazzo Piccolomini | Archivio di Stato di Siena


Basilica dei Servi


Some of the best Restaurants in Siena 


Food shopping addresses in Siena


L’Orto de’Pecci


The Palio


Foundation of Siena


Sienese School of Painting


Fonti di Siena

 

The Siena area


Album Palio di Siena


Video Palio di Siena

 

 

 

 

 





 
Le Fonti di Siena

SienaFonteDiFollonica7.jpg

Fonte di Follonica, Siena [1]

 

Toacana ] Galleria di immagini  
     
   
Le fonti maggiori di Siena | Fonte di Follonica

   
   

L'area in cui si trova la Fonte di Follonica è una vallata a est della città.
Il nome Follonica deriva dal latino fullones, cioè dai lavoratori di panni di lana che operavano in questa zona di Siena. La follatura era una fase importantissima nella lavorazione che consisteva nell’immergere il panno appena tessuto in bacini d’acqua e soda e nel pestarlo; talvolta il panno veniva sottoposto ai colpi di pesanti mazze, mosse spesso da un mulino ad acqua.


Fonti di Follonica


La prima menzione della Fonte la troviamo nel più antico libro di Biccherna giunto fino a noi e datato 1226. Fin da quella data la Fonte era già iscritta con il nome di “Fonte di Follonica” e si parlava di una fonte “antica” e di una “nuova”.

La Fonte di Follonica era una delle più belle e importanti fonti della città, con il paramento murario in facciata, oggi solo parzialmente visibile, formato da filari di quattro mattoni alternati a ricorsi di conci di travertino; una particolare tipologia muraria, non utilizzata in altre fonti, caratteristica nelle architetture dell’edilizia senese tra la metà del Tredicesimo ed i primi decenni del Quattordicesimo secolo.

La Fonte era organizzata in ambienti distinti e comunicanti fra loro mediante il sistema del trabocco. Uno o più bottini portavano l’acqua al bacino principale, posto più in alto rispetto alla seconda vasca, dedicata all’abbeveramento delle bestie e infine ci era il lavatoio. I costruttori avevano inoltre previsto un fontino per lavare i recipienti prima di attingere l’acqua da bere e dei canali di scolo per le acque degradate.

Il pavimento del fondo della Fonte era di coccio pesto e l’interno in laterizi. Intorno alla prima vasca vi sono parapetti bassi in pietra che portano ancora evidenti i buchi sui quali poggiavano le transenne per non far avvicinare gli animali all’acqua potabile.

Nel 1247 il Comune ordina di realizzare la copertura a volte e stanzia fondi per il tetto al di sopra delle volte; altri lavori fra il 1249 ed il 1253, fra i quali i più importanti la platea antistante ed un forte muro a retta per sostenere la terra del poggio di Santo Spirito.

Negli anni settanta del Duecento, dopo la sconfitta dei Senesi da parte degli Angioini nella battaglia di Colle del 1269, furono innalzate delle merlature, costruita una “bicocca” dotata di armati e venne chiusa la porta antistante la fonte, detta Porta di Follonica.

Fu dopo la terribile peste nera del 1348 che le Fonti di Follonica persero parte della loro utilità, anche in seguito alla decimazione della popolazione, a vantaggio di altre fonti più facilmente raggiungibili nel centro città.

Nel 1492 fu ideato da Comune un progetto di recupero del quale si sarebbe dovuto occupare Francesco di Giorgio Martini, ma il lavoro non fu mai realizzato nonostante fossero stanziati anche dei fondi per il restauro della fonte.

La successiva incuria e la mancanza di opere di manutenzione comportarono un sempre più evidente stato di abbandono e di degrado, soprattutto per i continui smottamenti dei greppi sui quali sorgevano gli orti dell’Abbazia Nuova.

Nel 1509 la Fonte e il terreno annesso divennero di proprietà privata con la donazione da parte di Pandolfo Petrucci (Signore di Siena dal 1497 al 1512) ai Frati di Santo Spirito e la fonte da questo momento scompare sia dagli atti del Comune che addirittura dalle cartografie, un fatto che testimonia il suo quasi completo interramento, fino al Settembre 1903, quando in un verbale una Guardia Comunale riferisce che i proprietari stavano rimuovendo il paramento murario antistante gli archi, per cui il Comune, visto lo stato della Fonte, dette ordine di fermare ogni intervento di distruzione e smantellamento.[2]

 

Coordinate: 43° 19′ 09.89″ N, 11° 20′ 13.53″ E Kartographer map based on OpenStreetMap.

Come raggiungere: La fonte è situata sotto il convento di San Francesco, in un'area verde all'interno delle mura, accessibile dai giardini della contrada del Leocorno.



Bibliografia:

Bargagli Petrucci F., Le Fonti di Siena e i loro acquedotti, 1906.

Serino V. (a cura di), Siena e l’acqua: storia e immagini di una città e delle sue fonti, Siena, Nuova Immagine Editrice, 1998.

Valenti M. e Tronti C. (a cura di), La fonte di Follonica e le fonti medievali di Siena [Risorsa elettronica], Siena, 2004.

 

 

   
   

Mappa Fonte di Follinica, Siena | Ingrandire mappa

 


 
   
     

 

Galleria fotografica Siena

Fonti e fontane di Siena | Galleria fotografica Fonte di Follonica

 

   
Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV (1906) (14590618640)   SienaFonteDiFollonica7   SienaFonteDiFollonica2

Fonte di Follonica

 

 

Fonte di Follonica

 

  Fonte di Follonica
SienaFonteDiFollonica5   SienaFonteDiFollonica4   SienaFonteDiFollonica1
       

Fonte di Follonica

 

Fabio Bargagli Petrucci, Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV, 1906, Siena : Olschk

Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV, 1906 | Galleria fotografica

Page on Open Library | Web | pdf | epub

Full text of "Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV"

Bottini medievali senesi |www.bottinimedievalisenesi.it

Siena | Santuario e Oratorio di Santa Caterina in Fontebranda 


[1] Photo by LigaDue,  licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license
[2] Fonte: Contrada del Leocorno | Le Fonti di Follonica | lnx.contradaleocorno.it


Holiday accomodation in Tuscany


Il Podere Santa Pia si trova sul crinale della collina di Cinigiano, principale centro storico dell’alta Maremma toscana e Cinigiano, capoluogo dell'omonimo Comune e posto al centro dell'area del vino Montecucco DOC.

Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia



     

Podere Santa Pia
 
Podere Santa Pia, giardino
 

Podere Santa Pia, terrazza

 


Podere Santa Pia si trova in Valle d’Ombrone, nel cuore della Toscana a 30 minuti da Montalcino e Pienza, a un'ora da Siena.

Partendo da Siena, patria del Palio, e viaggiando in direzione di Monte Amiata, si arriva nel cuore delle nostre colline dove si trova l'abbazia di Sant’Antimo, e vicino da Castiglioncello Bandini, il Podere Santa Pia.Il casale e' immerso in piena campagna e sovrasta una vallata di incredibile bellezza. Grazie alla sua posizione a 300 mt di altitudine godrete in estate di un clima ventilato adatto a escursioni nei boschi circostanti attraverso numerosi sentieri, alla scoperta di paesaggi suggestivi, numerosi borghi medievali e pievi romaniche.
Inoltre è possibile raggiungere luoghi come l'Abbazia di Sant’Antimo, località di importanza storica e culturale.

 

 
       

Follow us on Instagram  Follow us on Instagram

 

 

Video

In questa sezione troverete una selezione di video riguardanti Podere Santa Pia o eventi culturali nella Maremma Toscana.

 

#poderesantapiaVigneti di Podere Colle Castagno, Toscana

 

 

Questo articolo è basato sull'i articolo Casato (Siena) dell' Wikibooks, manuali e libri di testo liberi, ed è rilasciato secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.