Palazzo Pubblico


The Siena Duomo

         The Mosaic floor and the Porta del Cielo

         The cript


Ospedale Santa Maria della Scala


Palazzo Piccolomini | Archivio di Stato di Siena


Basilica dei Servi


Some of the best Restaurants in Siena 


Food shopping addresses in Siena


L’Orto de’Pecci


The Palio


Foundation of Siena


Sienese School of Painting


Fonti di Siena

 

The Siena area


Album Palio di Siena


Video Palio di Siena

 

 

 

 

 





 
Le Fonti di Siena


Loggia superiore del Palazzo Pubblico con l'antica Fonte Gaia ricomposta [1]

 

Toacana ] Galleria di immagini  
     
   
Le fonti maggiori di Siena | Loggia superiore del Palazzo Pubblico con l'antica Fonte Gaia ricomposta
   
   

La Fonte Gaia è una fontana monumentale di Siena, situata in piazza del Campo. La fonte, nella forma attuale, venne decorata da una serie di rilievi scultorei commissionati nel 1409 a Jacopo della Quercia e completati dieci anni dopo, nel 1419.
La fonte Gaia di Jacopo della Quercia fu rimossa nel 1868 da piazza del Campo e sostituita nel 1869 da una copia di Tito Sarrocchi; collocata provvisoriamente nel museo dell'Opa, fu sistemata nel 1904 nella loggia di palazzo Pubblico; attualmente è conservata presso il Santa Maria della Scala. [1]


Coordinate: 43° 19′ 07.52″ N, 11° 19′ 52.76″ E  

 

I Senesi « volendo fare una fonte ricchissima et hornata di marmi » all’acqua che avevano condotta sulla Piazza, ordinarono al loro illustre concittadino Jacopo della Quercia « di fare un disegno con intagliamenti, figure, cornici, gradi, pilastri, beccatelli ed altri lavorii finamente ragionati ». La deliberazione del Comune è del 1408-9 e i documenti ci assicurano che nel 1419 Jacopo della Quercia, dopo lunghe e fortunose vicende, aveva compito il lavoro.
Jacopo della Quercia, che mostrò a Michelangelo Buonarroti l’inesauribile varietà di attitudini del corpo umano, si mostra in questa fonte nella gloriosa maturità del suo genio. Il Vasari, non soverchiamente tenero per gli artisti senesi, loda la figura della Vergine, fatta « con maniera graziosa e singolare, e le sette virtù teologiche, le teste delle quali, che sono delicate e piacevoli, Jacopo fece con bell’aria, e con certi modi che mostrano ch’egli cominciò a trovare il buono, le difficultà dell’arte, e a dare grazia al marmo levando via quella vecchiaia che avevano insino allora usato gli scultori, facendo le loro figure intere e senza una grazia al mondo: laddove Jacopo le fece morbide e carnose e finì il marmo con pacienza e delicatezza ».
Ben poco si può aggiungere a questa meritata lode del Vasari, Jacopo della Quercia ci appare come una figura fuor del tempo e dello spazio. Gotico ancora qua e là, egli è poi il più moderno degli scultori del ‘400. Il movimento, la vita, la gioia sono espressi nelle sue sculture con una forza suggestiva incomparabile, e i Senesi lo apprezzarono talmente che « non più Jacopo della Quercia, ma Jacopo della Fonte » egli fu sempre chiamato.
Oggi nella piazza del Campo la fonte ripete al sole l’eterna canzone delle acque nella copia moderna del Sarrocchi, ma nel Palazzo Pubblico le antiche sculture, rimesse insieme da Corrado Ricci nel 1904, sul loro schema architettonico, mostrano tutta la loro forza e la loro grazia serena e gioconda. [2]

 

   
   

Mappa Fonte Gaia, Siena| Ingrandire mappa


 

 
   

Galleria fotografica Siena

Fonte Gaia | Galleria fotografica

 

   
Loggia superiore del Palazzo Pubblico, Siena   Piazza del Campo in Siena met de Fonte Gaia   Fonte Gaia in piazza del Campo,  prima del restauro della fonte

Loggia superiore del Palazzo Pubblico, Siena

 

 

Piazza del Campo in Siena met de Fonte Gaia

 

 

Fonte Gaia in piazza del Campo,  prima del restauro della fonte

 

Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV (1906) (14754353596)   Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV (1906) (14590876007)   Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV (1906) (14777373525)

Fonte Gaia, veduta generale

 

  Fonte Gaia, il braccio sinistro   Fonte Gaia, il braccio destro

   

Bibliografia

Amedeo Benedetti, "I Fratelli Alinari", ne Gli archivi delle immagini, Genova, Erga, 2000, pp. 348–358.

Amedeo Benedetti, La fortuna delle immagini Alinari nella grande editoria italiana del Novecento, in "Culture del testo e del documento", anno XII, n. 36, settembre-dicembre 2011, pp. 121 – 151.


Fabio Bargagli Petrucci, Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV, 1906, Siena : Olschk

Le fonti di Siena e i loro aquedotti, note storiche dalle origini fino al MDLV, 1906 | Galleria fotografica

COME ERA SIENA IN CARTOLINA - Le Fonti | www.ilpalio.org


[1] Fonte: Opere Web | Fondazione Monte dei Paschi di Siena| www.fondazionemps.it
[2] Fonte: A.Jahn Rusconi, brano tratto da “Siena” – Isituto Italiano d’Arti Grafiche, 1907 | territoridel900.wordpress.com

Holiday accomodation in Tuscany





Celebrare il dolce far niente
MontalcinoPanorama
Celebrare il dolce far niente

  Ombrone album  

Montalcino album

 


La casa vacanze è ubicato in un contesto paesaggistico molto suggestivo, disseminato di oliveti, vigneti, e la macchia mediterranea.

A breve distanza son presenti insediamenti etruschi (Roselle, Vetulonia), Terme (Saturnia, Petriolo, Bagno Vignoni, Bagni San Filippo), città d’arte e borghi medievali.

Viaggio Toscana e Umbria | Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia

 
       

Follow us on Instagram  Follow us on Instagram

 

 

Questo articolo è basato sugli articoli Fratelli Alinari, Museo nazionale Alinari della fotografia

dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.