Albarese | Parco Naturale delle Maremma

Capalbio


Colline Metallifere


la costa Toscana

Walking along the Tuscan coast

Crete Senesi

         
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

         Walking on Monte Amiata


Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 
La Costa Toscana

Birdwatching al Parco della Maremma  [1]

 

Toscana, Galleria di immagini  
     
   
Monti dell'Uccellina | Birdwatching al Parco della Maremma

   
   

Uno splendido itinerario di circa 3 Km che si sviluppa tra praterie palustri, macchia, stagni e dune. Un prezioso mosaico di ecosistemi diversi e ricchi di avifauna.  L’inizio del sentiero è in località la Trappola (Villa Torre Trappola).
La zona settentrionale del Parco, prevalentemente pianeggiante e costituita da terreni alluvionati formati dai depositi trasportati dal fiume Ombrone.


Chiari della Trappola

Tipici ambienti palustri. Si tratta di zone umide, la cui origine potrebbe essere stata determinata dal progressivo avanzare della spiaggia che avrebbe inglobato antichi laghetti costieri, ma non è escluso che si tratti di resti di canali formati dalle correnti di riflusso o anche relitti di rami di un'antichissima foce deltizia.  [1]

   
   

Mappa Torre della Trapola | Ingrandire mappa


Inizio percorso: Villa Torre Trappola, Loc. La Trappola, 58046 Marina di Grosseto GR

Partenza: Località La Trappola.

Percorso: 3 Km circa.

Durata: 2 h circa.
Coordinate 42°40′54.7″N 11°02′13.43″E 

 

 
   

Photo album Abbey of Sant'Antimo



   
Salina di San Paolo - panoramio   OmbroneFoce1   Bocca d'Ombrone, Torre della Trapola vicino a Principina di Grosseto

Salina di San Paolo

 

  Bocca d'Ombrone, Principina di Grosseto  

Bocca d'Ombrone, Torre della Trapola vicino a Principina di Grosseto

 

Il Padule della Trappola

Il Padule della Trappola è un esempio relittuale di complessi lacustri, un tempo assai estesi, della piana grossetana, con rari ecosistemi di notevole valore naturalistico nei quali si conservano specie igroalofile ormai sporadiche o in via di estinzione sul territorio italiano. Le Padule della Trappola rappresentano un’area d’interesse regionale per i molti uccelli migranti regolari che vi fanno tappa. [2]

 

Mappa Padule delle Trappola, Bocca d'Ombrone

 


Galleria
Monti dell'Uccellina

 

   
Panorama dalla torre Torre di Castelmarino   Parco Naturale delle Maremma, beach  
Panorama dalla Torre di Castelmarino   Parco Naturale delle Maremma, spiaggia  

Follow Podere Santa Pia on Instagram  Follow us on Instagram

 

   

Gestione degli habitat palustri e costieri di Padule della Trappola | Padule della Trappola - Ispra

Consorzio Aziende Parco della Maremma | Birdwatching, Parco dell'Uccellina: birdwatching falchi, aironi, fenicotteri e anatre, birdwatching nel Parco dell'Uccellina

In estate, dal 15 Giugno al 15 Settembre, l'itinerario è chiuso per rischio incendi.
Consorzio Aziende Parco della Maremma - Via del Bersagliere 7/9 - 58100, Alberese (GR) 

Walking & trekking  IN MAREMMA TOSCANA

Itinerario A7 - Foce del fiume Ombrone -4,73 km, 56 minuti

Salina di San PaoloParco Naturale della Maremma

 
        Bacino Ombrone

Holiday accomodation in Tuscany




Itinerari e idee per visitare la Toscana | Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia



Celebrare il dolce far niente
   
Celebrare il dolce far niente

  Castello Colle Massari  

Visia da Podere Santa Pia, fino al mare e Montecristo

 

Colline sotto Podere Santa Pia
Podere Santa Pia
 
Colline sotto Podere Santa Pia
  Podere Santa Pia, terrazza
         
         



[1] Fonte: Consorzio Aziende Parco della Maremma | Birdwatching, Parco dell'Uccellina: birdwatching falchi, aironi, fenicotteri e anatre, birdwatching nel Parco dell'Uccellina

[2] Fonte:Toscana - Gestione degli habitat palustri e costieri di Padule della Trappola | a | Padule della Trappola - Ispra

Le Padule della Trappola rappresentano un’area d’interesse regionale per i molti uccelli migranti regolari che vi fanno tappa, quali Anas querquedula (marzaiola), o perché residenti e vulnerabili, quali Alcedo atthis (martin pescatore), Burhinus oedicnemus (occhione), Falco peregrinus (falco pellegrino) e Falco tinnunculus (gheppio) specie inserita nella lista rossa regionale.
Il sito ospita inoltre specie svernanti: Anas acuta (codone) vulnerabile, Anas clypeata (mestolone); Anas crecca (alzavola), Anas penelope (fischione) vulnerabile; Anas platyrhynchos (germano reale), Anas strepera (canapiglia), Anser anser (oca selvatica), Anser fabalis (oca granaiola), Aythya ferina (moriglione) vulnerabile, Calidris alpina (piovanello pancianera), Calidris minuta (ambecchio), Circus aeruginosus (falco di palude) specie minacciata, Circus cyaneus (albanella reale), Egretta alba (airone bianco maggiore), Egretta garzetta (garzetta) vulnerabile, Fulica atra (folaga), Numenius arquata (chiurlo), Philomachus pugnax (combattente), Pluvialis apricaria (piviere dorato), Tadorna tadorna (volpoca), Tringa totanus (pettegola) vulnerabile, Vanellus vanellus (pavoncella) vulnerabile; tra le specie nidificanti per la riproduzione, vulnerabili, sono segnalate: Anthus campestris (calandro), Calandrella brachydactyla (calandrella), Caprimulgus europaeus (succiacapre), Coracias garrulus (ghiandaia marina), Coturnix, coturnix (quaglia), Himantopus himantopus (cavaliere d'Italia), Ixobrychus minutus (tarabusino), Circus pygargus (albanella minore) specie minacciata, Lanius minor (averla cenerina) specie rara; tra i nidificanti per la riproduzione sono inoltre presenti specie particolarmente vulnerabili ed inserite nella lista rossa regionale, quali: Charadrius alexandrinus (fratino), Falco subbuteo (lodolaio), Lanius senator (averla capirossa), Otus scops (assiolo). Tra i mammiferi, oltre l’istrice, sono segnalate specie rare quali Mustela putorius (puzzola) e Myotis emarginatus (vespertilio smarginato) e minacciate Rhinolophus euryale (rinolofo curiale). Sono presenti per gli anfibi Bufo viridis (rospo smeraldino) specie minacciata per la distruzione dell'habitat, Hyla arborea (raganella europea) e Bombina pachypus, specie endemiche italiane, Triturus carnifex (tritone crestato italiano); per i Rettili, Coluber viridiflavus (biacco), Elaphe longissima (colubro di Esculapio), Lacerta viridis (ramarro), Natrix tessellata (biscia tessellata), Podarcis muralis (lucertola dei muri), Podarcis sicula (lucertola dei prati), Testudo hermanni (testuggine di Hermann) vulnerabile, Emys orbicularis (testuggine d'acqua) minacciata. Tra gli invertebrati, oltre alle specie presenti nelle dune costiere del Parco dell’Uccellina (Brithys crini, Charaxes jasius, Callimorpha quadripunctata, Lestes dryas, Libellula fulva, Xerosecta contermina, Zerynthia polyxena cassandra) sono segnalate: Baris sellata (Boheman), rappresentando le Padule della Trappola l’unica stazione italiana di specie s-mediterranea occidentale (iberico-meghrebina), il carabine Carabus alysidotus specie minacciata, rara in Toscana, l’odonato Coenagrion scitulum (Rambur), il lepidottero Coenonympha elbana, il coleottero Ellescus scanicus specie rara.